Nuovo coronavirus 2019 e i suoi sintomi. Cose da sapere

nuovo coronavirus

Nuovo coronavirus!

Oggi si parla tanto del nuovo coronavirus ma in realtà di nuovo non c’è granché. I coronavirus sono tipi di virus che in genere colpiscono le vie respiratorie di uccelli e mammiferi, compresi gli esseri umani.

In questo articolo (4 min. di lettura), abbiamo fatto un riassunto e spieghiamo i diversi tipi di coronavirus umani, i loro sintomi e come le persone li trasmettono.

Ci concentriamo anche su tre malattie particolarmente pericolose che si sono diffuse a causa dei coronavirus: COVID-19, SARS e MERS.

I medici li associano al comune raffreddore, bronchite, polmonite e sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e possono anche influenzare l’intestino. Noi di NPJoliment, non smetteremo mai di ripetere che un forte coadiuvante è importante per rafforzare il nostro sistema immunitario.

Questi virus sono in genere responsabili dei comuni raffreddori più delle malattie gravi. Tuttavia, i coronavirus sono anche dietro alcuni focolai più gravi.

Negli ultimi 70 anni, gli scienziati hanno scoperto che i coronavirus possono infettare topi, ratti, cani, gatti, tacchini, cavalli, maiali e bovini. A volte, questi animali possono trasmettere il coronavirus all’uomo.

Più di recente, le autorità hanno identificato un nuovo focolaio di coronavirus in Cina che ora ha raggiunto altri paesi, è la bella Italia si trova al quarto posto per numero di infetti.

Attualmente i paesi coinvolti sono più di sessanta.

Il nome del coronavirus è COVID-19. (corona virus disease 2019)

Che cos’è il coronavirus?

I ricercatori hanno isolato per la prima volta un coronavirus nel 1937.

Hanno trovato un coronavirus responsabile di un virus infettivo della bronchite negli uccelli che ha avuto la capacità di devastare gli stock di pollame in mezzo mondo.

Gli scienziati hanno scoperto per la prima volta prove di coronavirus umani (HCoV) negli anni ’60 nel naso delle persone con che avevano apparentemente una raffreddore comune.

Due coronavirus umani sono responsabili di gran parte dei raffreddori comuni: OC43 e 229E.

Il nome “coronavirus” deriva dalle proiezioni a forma di coronasulle loro superfici.

Tra gli esseri umani, le infezioni da coronavirus si verificano più spesso durante i mesi invernali e l’inizio della primavera.

Nonostante l’allarme, è risaputo che le persone si ammalano regolarmente di raffreddore a causa di un coronavirus e possono prendere lo stesso circa 4 mesi dopo.

Questo perché gli anticorpi coronavirus non durano a lungo. Inoltre, gli anticorpi per un ceppo di coronavirus possono essere inefficaci contro un altro.

Per chi non riesce recarsi al pronto soccorso o sei hai il sospetto di essere contaminato con questo virus, vi spieghiamo alcuni sintomi facilmente riconoscibili.

Sintomi

I sintomi simili al raffreddore o all’influenza di solito insorgono da 2 a 4 giorni dopo un’infezione da coronavirus e sono generalmente lievi ma variano da persona a persona e alcune forme del virus possono essere fatali.

I sintomi includono:

  • starnuti
  • naso che cola
  • fatica
  • tosse
  • fatica nel respirare
  • febbre alta
  • gola infiammata
  • asma aggravata
  • assenza sapori e/o odori

Gli scienziati non possono facilmente coltivare coronavirus umani (possono essere manipolati) in laboratorio a differenza del rinovirus, che è un’altra causa del comune raffreddore.

Questo sarebbe il motivo principale per il quale rende difficile valutare l’impatto del coronavirus sulle economie nazionali e sulla salute pubblica.

Medici e scienziati attualmente affermano che non esiste una cura, quindi i trattamenti comprendono la cura di sée le medicine da banco. 

Le persone possono fare diversi passi, tra cui:

  • riposo ed evitare sforzi eccessivi
  • bere abbastanza acqua
  • evitando il fumo e le aree fumose
  • utilizzando un umidificatore pulito o un vaporizzatore a nebbia fredda
  • integrare per rafforzare il sistema immunitario

Un modo semplice per verificare la presenza del virus è fare visita al medico di base che può diagnosticare il virus responsabile. Di solito lo la prelevando un campione di fluidi respiratori, come muco dal naso o sangue.

Tipi

I coronavirus appartengono alla sottofamiglia Coronavirinae della famiglia Coronaviridae.

Diversi tipi di coronavirus umani variano in base alla gravità della malattia risultante e alla misura in cui possono diffondersi.

Attualmente i medici riconoscono sette tipi di coronavirus che possono infettare l’uomo.

I 4 tipi più comuni includono:

  • 229E (alfa coronavirus)
  • NL63 (alfa coronavirus)
  • OC43 (beta coronavirus)
  • HKU1 (beta coronavirus)

I ceppi più rari che causano complicazioni più gravi includono MERS-CoV, che causa la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) e SARS-CoV, il virus responsabile della sindrome respiratoria acuta grave (SARS).

Nel 2019, un nuovo ceppo “pericoloso” chiamato SARS-CoV-2 ha iniziato a circolare, causando la malattia COVID-19.

Trasmissione

Sono disponibili ricerche limitate su come l’HCoV si diffonde da una persona all’altra.

I ricercatori ritengono che i virus si trasmettano attraverso i fluidi nel sistema respiratorio, come il muco.

I coronavirus possono diffondersi nei seguenti modi:

  • Tossire e starnutire senza coprire la bocca può disperdere le goccioline nell’aria.
  • Toccare o stringere la mano a una persona che ha il virus può passare il virus tra le persone.
  • Entrare in contatto con una superficie o un oggetto che ha il virus e quindi toccare il naso, gli occhi o la bocca.

Alcuni coronavirus animali, come il coronavirus felino (FCoV), possono diffondersi attraverso il contatto con le feci. Comunque, non è chiaro se ciò si applichi anche ai coronavirus umani.

Il National Institutes of Health (NIH) suggerisce che diversi gruppi di persone hanno il più alto rischio di sviluppare complicanze dovute a COVID-19. Questi gruppi includono:

  • bambini piccoli
  • persone di età pari o superiore a 65 anni
  • donne in gravidanza

I coronavirus infetteranno la maggior parte delle persone in qualche momento della loro vita e possono mutare in modo efficace, il che li rende così contagiosi. Ed ecco un altro motivo per il quale proponiamo prodotti naturali che aiutano a rafforzare il nostro sistema immunitario, moltiplicando le nostre CD56 NK (natural killer cells)

Per prevenire la trasmissione, le persone dovrebbero rimanere a casa e riposare mentre i sintomi sono attivi. Dovrebbero anche evitare uno stretto contatto con altre persone.

Coprire la bocca e il naso con un fazzoletto mentre si tossisce o starnutisce, può aiutare a prevenire la trasmissione.

È importante eliminare eventuali tessuti dopo l’uso e mantenere l’igiene in casa.

Nuovo coronavirus: COVID-19

Nel 2019, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC)hanno iniziato a monitorare lo scoppio di un nuovo coronavirus, SARS-CoV-2, che causa la malattia respiratoria ora nota come COVID-19. 

Le autorità hanno prima identificato il virus a Wuhan, in Cina. Più di 74.000 persone hanno contratto il virus in Cina.

Successivamente le autorità sanitarie hanno identificato molte altre persone con COVID-19 in tutto il mondo, comprese molte negli Stati Uniti.

Anche se, non è tutto molto chiaro, sembra pero che dal 31 gennaio 2020, il virus è passato da una persona all’altra negli Stati Uniti.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato un’emergenza per la salute pubblica relativa al COVID-19.

Da allora, questo ceppo è stato diagnosticato in diversi residenti negli Stati Uniti. Il CDC ha informato che è probabile che si diffonda a più persone.

COVID-19 ha iniziato a causare perturbazioni in almeno altri 60 paesi finora, sembra di accrescere di giorno in giorno.

Le prime persone con COVID-19 avevano collegamenti con un mercato di animali e frutti di mare. Questo fatto ha suggerito che gli animali inizialmente hanno trasmesso il virus all’uomo.

Ciononostante, le persone con una diagnosi più recente non avevano connessioni o esposizione al mercato, confermando che gli esseri umani possono scambiarsi il virus dunque tra di loro.

Al momento le informazioni sul virus sono scarse. In passato, le condizioni respiratorie che si sviluppano dai coronavirus, come la SARS e la MERS, si sono diffuse attraverso stretti contatti.

Il 17 febbraio 2020, il Direttore Generale dell’OMS ha presentato a un briefing dei media i seguenti aggiornamenti sulla frequenza con cui i sintomi di COVID-19 sono gravi o fatali, utilizzando i dati di 44.000 persone con una diagnosi confermata:

Fase di gravità

Percentuale approssimativa di persone con COVID-19

Malattia lieve da cui una persona può recuperare : oltre l’80%

Grave malattia, che causa affanno e polmonite : 14% circa

Malattia critica, incluso shock settico, insufficienza respiratoria e fallimento di più di un organo :5% circa

Malattia mortale : 2%

Il direttore generale ha inoltre osservato che il rischio di gravi complicanze aumenta con l’età.

Secondo l’OMS, pochi bambini ottengono COVID-19, anche se stanno ancora studiando le ragioni di ciò.

Malgrado, mentre alcuni virus sono altamente contagiosi, è meno chiaro quanto rapidamente si diffonderanno i coronavirus.

I sintomi variano da persona a persona con COVID-19. Può produrre pochi o nessun sintomo o può anche portare a gravi malattie e può essere persino fatale. I più sintomi comuni includono:

  • febbre
  • affanno
  • tosse

Potrebbero essere necessari dai 2 ai 14 giorni affinché una persona noti i sintomi dopo l’infezione.

Nessun vaccino è attualmente disponibile per il nuovo coronavirus COVID-19.

Gli scienziati hanno ora replicato il virus in laboratorio, e potrebbe consentire la diagnosi precoce e il trattamento nelle persone che hanno il virus, ma non mostrano ancora sintomi.

SARS

Sicuramente ci ricordiamo La SARS , una malattia contagiosa che si è sviluppata dopo l’infezione dal coronavirus SARS-CoV.

In genere, ha portato a una forma di polmonite potenzialmente letale.

Nel novembre 2002, il virus è iniziato nella provincia del Guangdong, nel sud della Cina, raggiungendo infine Hong Kong.

Da lì, si diffuse rapidamente in tutto il mondo, causando infezioni in oltre 24 paesi.

SARS-CoV può infettare sia le vie respiratorie superiori che inferiori.

I sintomi della SARS si sviluppano nel corso di una settimana e iniziano con la febbre. All’inizio della condizione, le persone sviluppano sintomi simil-influenzali, come:

  • tosse secca
  • brividi
  • diarrea
  • affanno
  • dolori

La polmonite, una grave infezione polmonare, e nella sua fase più avanzata provoca insufficienza polmonare, cardiaca o epatica.

Secondo il CDC, le autorità hanno contrassegnato 8.098 persone con contratto di SARS. Di questi, 774 infezioni erano fatali. Ciò equivale a un tasso di mortalità del 9,6%.

Le complicanze erano più probabili negli adulti più anziani e la metà di tutte le persone di età superiore ai 65 anni che si ammalavano non sopravviveva. Le autorità hanno infine controllato la SARS nel luglio 2003.

MERS

MERS si diffuse a causa del coronavirus noto come MERS-CoV. Gli scienziati hanno riconosciuto per la prima volta questa grave malattia respiratoria nel 2012 dopo che è emersa in Arabia Saudita.

Da allora, si è diffuso in altri paesi.

Il virus ha raggiunto gli Stati Uniti, mentre il più grande focolaio al di fuori della penisola arabica si è verificato in Corea del Sud nel 2015.

I sintomi della MERS comprendono:

  • febbre
  • affanno
  • tosse

La malattia si diffonde attraverso uno stretto contatto con persone che hanno già un’infezione.

Tuttavia, tutti i casi di MERS hanno collegamenti a persone recentemente tornate dal viaggio nella penisola arabica.

Spero che questo riassunto è stato abbastanza esaustivo per capire meglio di cosa si tratta e cosa si potrebbe fare eventualmente.

L’umano è circondato da virus e batteri da sempre ma purtroppo lo stile di vita non ci aiuta a rimanere in salute e in forma. La prevenzione è importante e una giusta integrazione è sempre auspicabile.

Un sistema immunitario forte può aiutare a respingere virus e batteri maligni. La natura è la nostra farmacia più efficace, nonostante qualcuno vuole farci credere il contrario.

Decine nonché centinaia di studi confermano che prodotti a base di alghe sono un rimedio molto efficace per rafforzare il corpo.

NPJoliment vanta prodotti che contengono un mix di sei (6) diverse spiruline, unici al mondo. 


Test Covid-19

Benedetto Pinto, ortopedico di fama mondiale e responsabile scientifico del board della Natural Pharma International – la società che ha l’esclusiva per la commercializzazione in Italia e in altri paesi europei del Gmate Covid-19, l’apparecchio made in Corea, che permette il test rapido per diagnosticare il coronavirus ci spiega – che la strada da seguire è esattamente quella utilizzata nel paese asiatico. Leggi l’articolo qui

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Articoli Interessanti

integratori a base di alghe

Vivere sano: la testimonianza di un nostro cliente soddisfatto, Marina G.

“Vivere sano ed integrare bene” Intro In questo articolo voglio parlarti di una persona che ho conosciuto non tanto tempo fa ed anche lei ha sentito più volte sulla pelle l’importanza del vivere sano ed integrare bene! Parlando del più e del meno ho chiesto se potessi pubblicare la nostra chiacchierata sul nostro blog. #abcbenessere nasce con lo scopo di divulgare storie, emozioni, energia positiva, oltre a passare informazioni e testimonianze che confermano che le cose nella vita possono migliorare se lo vogliamo. Senza perdere troppo tempo in prefazioni simili andiamo direttamente al punto e raccontiamo al lettore come sei

Read More »